martedì 22 novembre 2011

isolare Milwaukee


Questa è l'immagine che ho realizzato per il frontespizio del terzo numero di Giuda. Come tutti ormai sapranno il tema centrale dell'albo è il serial Happydays...
Ecco la presentazione dell'albo:

CHUCK, IL PERSONAGGIO BANDITO DAL TELEFILM HAPPY DAYS, TORNA E, DALLE PAGINE DI G.I.U.D.A., DIRIGE E ISPIRA UNA SERIE DI NUOVI EPISODI, AMBIENTATI IN UNA MILWAUKEE CHE DA STERILE SET TV, APPARE ORA COME LA CITTÀ DELLA FRAGILITÀ E DEL DISINCANTO.
L’ombra di Chuck Cunningham torna e reclama vendetta sulle pagine del terzo volume di G.I.U.D.A. Ispirati dagli eroi di quella apparentemente innocua mitologia catodica che è Happy Days, i disegnatori di G.I.U.D.A. compongono un mosaico di brevi narrazioni illustrate, dal titolo “Milwaukee mi ha rubato”, che smascherano e svelano i tratti nascosti dei protagonisti. Eliminata l’aura sterile della finzione televisiva, i nuovi interpreti della serie tv non vivono più la spensierata quotidianità dell’easy-life americana, ma appaiono come attori di seconda fila, malinconici e crudeli. Spettatori del destino cui vanno incontro Fonzie, Richie, Potsy, Ralph e tutti gli altri sono due indigeni americani, padre e figlio, eredi della cultura primigenia dell’America, che in un dialogo da teatro dell’assurdo, tra battute sospese e piccoli conflitti domestici, sembrano essere gli unici in grado di poter afferrare il senso della realtà: “Tante cose sembrano non esistere. Ma invece esci, e te le incontri. E ti cambiano la vita”, conclude uno dei personaggi.
Completano il volume le incisioni dal forte accento simbolista dell’artista belga Frederic Coche; la terza parte di “Ernesto” storia visionaria disegnata da Ciro Fanelli e il nuovo capitolo di “Piccola Gerusalemme” disegnata da Angelo Mennillo su sceneggiatura di Elettra Stamboulis. Chiude Tracciamenti con la serie di illustrazioni “work-in-fabric”.

giovedì 17 novembre 2011

Komikazen 2011, lavorando con i marmocchi...



Così a Ravenna, nelle mattinate di Komikazen e così nelle foto rubate dal blog di Marina:


 e tra le lande delle valli Comacchiesi dove i tortelli hanno il loro perchè: