mercoledì 8 ottobre 2014

Komikazen Festival 2014

Al via la decima edizione del KOMIKAZEN FESTIVAL di Ravenna. 
Quest'anno sarò presente in tre diverse esposizioni.

Le tavole di Campana saranno esposte presso il quartiere Sant'Agata, venerdi 10 Ottobre s'inaugura la mostra alle 19.00


I miei disegni per la rivista Giuda saranno esposti insieme ai lavori degli altri autori in una grande antologica. Sabato 11 Ottobre ore 20,00 presso le cantine di Palazzo Rava


 E' già visitabile la mostra "Disegnare il Medioevo" presso la Biblioteca Classense. Oltre alle mie tavole ci sono quelle di Giuseppe Palumbo e Gianluca Costantini.
Il fumetto di realtà è da sempre il cuore pulsante attorno a cui vertono le mostre, gli incontri e gli eventi del Festival Komikazen:in occasione della sua decima edizione, il festival prevede un calendario denso di eventi, mostre ed attività disseminate nel territorio ravennate. Il tema centrale di quest'anno è l'autobiografia e la biografia. Raccontare se stessi, rappresentarsi, disegnarsi: dal selfie ai numerosi progetti di ricerca delle neuroscienze e scienze mediatiche che si occupano di egomania, il racconto autobiografico e le differenti visioni che gli autori hanno di sé e del sé in rapporto alla propria storia e al proprio vissuto è tornato alla ribalta nell'epoca dei social network. Numerose esposizioni, workshop per professionisti (uno per tutti quello con Eddie Campbell) e per bambini, approfondimenti e incontri con gli autori: questi gli ingredienti che da dieci anni sostengono il festival del fumetto di ricerca più importanti e curiosi in Italia. 
Tra gli artisti saranno presenti Eddie CampbellGord HillHamid-Reza VassafGipiUgo BertottiRoberto RecchioniGiuseppe PalumboTuono PettinatoRocco LombardiMarina GirardiDavid Vecchiato, Liliana Salone, e tanti altri

venerdì 3 ottobre 2014

DIsegnare il medioevo

In occasione del festival Komikazen e nell’ambito della mostra Imperiituro, dedicata alla trasmissione dell’idea imperiale dall’antichità ai giorni nostri, presso la Biblioteca Classense di Ravenna dal 4 ottobre al 6 gennaio, saranno esposte anche le opere inedite di tre fumettisti, nella sezione Disegnare il Medioevo.
Nello splendido contesto della Classense, tra diplomi imperiali del X secolo, cronache quattro-cinquecentesche e testimonianze iconografiche sulla Ravenna romana e tardo imperiale, lungo il Corridoio Grande saranno visibili tre storie originali e una mappa immaginaria. Realizzati da Gianluca Costantini, Rocco Lombardi e Giuseppe Palumbo, i lavori si ispirano ad alcuni personaggi della vicenda storica analizzata dalla mostra, e indagano cosa resta della dinastia degli Ottoni nella memoria storica romagnola.







martedì 30 settembre 2014

Alberico a Cagliari

Cagliari è la città che non mi aspettavo. Alig'art, il festival che mantiene le promesse: Sustainable Happiness, l'associazione che lo promuove, è formata da nove donne: intelligenti, determinate, ospitali. Il festival si è svolto nel quartiere Sant' Elia, dove enormi palazzoni formano le case popolari. I bambini del quartiere sono venuti a conoscere Alberico. Margherita, che mi ha invitato, ha scritto il testo che leggete in fondo e della città conosce ogni cosa, dalla fondazione ai giorni nostri ed anche se non manca mai di sottolineare aneddoti che trasudano amarezza è sempre pronta per andare al mare e da Cagliari difficilmente andrebbe via. In Sardegna ci tornerò, c'è un'isola intera da scoprire e so che posso contare su persone preziose.
















 Inaugurazione mostra ALBERICO 

di Rocco Lombardi
A cura di AMANDA

All’interno di Alig’Art 2014
Cagliari, Lazzaretto | 19 settembre 2014, ore 18.30

In occasione dell’edizione 2014 del Festival Alig’Art, dal titolo “Futuro Anteriore” e promosso dall’Associazione Sustainable Happiness, AMANDA presenta ALBERICO, graphic novel che è valsa a Rocco Lombardi il Premio per il Miglior Disegnatore al Treviso Comic Book Festival.
ALBERICO è una favola e, come ogni favola, restituisce sotto forma di codice narrativo ed estetico la realtà a noi contemporanea.
E’ una favola antimodernista che rimanda l’immagine di una società progressivamente allontanatasi dalla Natura rifiutandone le leggi ineluttabili, incapace di percepire il sacro, di interpretare il linguaggio e i segnali dello Universo. L’uomo s’è fatto Dio e ogni cosa è invertita, così come nell’opera di Lombardi il nero e il bianco sono invertiti.
Come il personaggio liberato nel mito della Caverna di Platone, Alberico unico ad aver raggiunto coscienza e consapevolezza non viene ascoltato e a vuoto va il suo monito; ineluttabile è la catastrofe ma per quanto drammatica neppure questa fermerà l’appetito insaziabile e l’avidità stolta dell’essere umano.
Dopo il diluvio purificatore, un picchio ritorna, latore dell’energia vitale insopprimibile, e dalla comunicazione minima con Alberico la vita rinasce, dapprima timido germoglio e poi gloriosa magnificenza, dove tutto è “ordine e bellezza”.
Se Alberico significa nell’antica mitologia nordica il signore degli elfi, personificazioni delle forze naturali, altrettanto antica è la simbologia del picchio: Ovidio ci narra che Pico re dell'Ausonia e fondatore di Albalonga avendo rifiutato la maga Circe che s’era di lui invaghita, fu trasformato in un picchio ma Pico era anche un augure, un sacerdote capace di rivelare la volontà degli dei attraverso l’osservazione di fenomeni naturali come il volo degli uccelli; nella tradizione cristiana invece il picchio rappresenta il Cristo che con la sua opera di preghiera incessante, stana il peccato dalle anime mortali.
Ancora la mitologia cristiana racconta del picchio animale disobbediente che, punito da Dio non potrà bere acqua che abbia toccato terra. Il suo canto, preghiera all’onnipotente per la pioggia è da secoli segnale per l’uomo che sa comprendere il linguaggio naturale.

Rocco Lombardi utilizza la tecnica “scratchboard”: il fondo nero è graffiato con un taglierino e le immagini emergono potenti a richiamare i risultati estetici della xilografia. A livello simbolico questa scelta che si rifà al mondo della scultura, rappresenta la ricerca della luce, dell’equilibrio, della verità rivelata ed il risultato è straordinario: le figure, i personaggi emergono finalmente liberati dal buio della incoscienza.
Rocco Lombardi è nato a Formia nel 1973. Writer e batterista punk di formazione, i suoi lavori sono comparsi in numerose pubblicazioni sia in Italia che all'estero, su copertine di dischi e poster per gruppi della scena indipendente. Con Simone Lucciola nel 2002 fonda Lamette Comics, etichetta di fumetto underground con cui pubblica la raccolta di storie brevi L’albero sfregiato (2006), e l'albo illustrato Non senza mano cattiva (2011). Nel 2009 per Nicola Pesce Editore esce Annetta. È tra gli autori della rivista Giuda e nel 2012 per Giuda Edizioni realizza a quattro mani con Lucciola Campana. Nel 2013 ancora per Giuda edizioni esce Alberico. Gira l'Italia insieme a Marina Girardi con Nomadisegni: un progetto in divenire fatto di laboratori itineranti, storie e disegni ispirati al paesaggio.
Amanda è un’associazione culturale nata a Cagliari nel giugno del 2010 da un progetto di Margherita Zanardi e Marianna Fazzi per poi aprire le braccia, nella Primavera del 2013, a Kanjano con cui cura il libro a fumetti “Sostiene Sankara” (Edizioni BeccoGiallo).
Attraverso le sue attività Amanda indica percorsi e propone ipotesi volte a sollecitare nuovi spazi di ricerca e impulsi al cambiamento, trasferendo sul piano culturale e artistico questioni di urgenza sociale.

lunedì 22 settembre 2014

Fumettinbici a Treviso


Un'altra occasione di cimentarsi in un laboratorio di Fumettinbici, questa volta a Treviso per il TrevisoComicBookFestival